domenica 19 febbraio 2012

Il cuoco zen

Naturalmente le svariate erbe che usa le coltiva personalmente nel suo curatissimo giardino, la sua casa con veranda dove ospita il ristorante e la dépéndance dove affitta alcune camere sono deliziose e delle vere oasi di pace dove ci si siede a parlare di filosofia o di qualsiasi altro argomento che valga la pena, i libri non mancano: appena ha saputo che sono italiano mi ha chiesto se conoscevo Tiziano Terzani: "Un indovino mi disse" è uno dei suoi libri preferiti, e anche miei. Non manca nemmeno una connessione internet veloce, e va da sé che Jina si dedica alla meditazione buddhista, allo yoga ed è un uomo saggio. E quello che esce dalle sue mani è sempre delizioso e una gioia per il palato. Jina è qui. E io pure. Namasté. 

2 commenti:

  1. Mi inchino in un namasté a Jina...

    RispondiElimina
  2. Questo già si sapeva, che quando cucini per corvée, i piatti ti vengono da schifo, mentre se cucini con amore, il risultato è notevole.
    E che si sia dei buoni cuochi , o almeno discreti, presuppone anche un amore per la vita, per il suo godimento qui e ora per quanto possibile.
    E, se posso spezzare una lancia di carattere patriottico, in Italia ci sono molti cuochi zen...

    RispondiElimina